Sia che si tratti di una casa moderna o di una arredata prevalentemente in stile classico, oppure ancora una villetta più rustica, l’ambiente cucina è certamente l'area in cui si trascorre la maggior parte del proprio tempo in casa. 

Scegliere delle tende per cucina a vetro è quindi molto importante per garantire un ambiente accogliente e comodo ma allo stesso tempo armonico sotto l’aspetto estetico.

Nel nostro articolo vi suggeriremo tutte le caratteristiche da valutare per l’acquisto delle tende per cucina perfette, gli stili più in voga al momento, i colori migliori per ogni stanza e i fissaggi fra cui scegliere.

 

Perché mettere le tende per cucina?

I motivi per cui montare delle tende per cucina sono svariati. Iniziando da esigenze estetiche sino ad altre di natura funzionale. Entrando nello specifico si può considerare che le tende per cucina sono utili a:

  Impreziosire l'ambiente e donargli un tocco personalizzato; 

  Diminuire il calore nella stanza; schermando la luce le tende per cucina aiutano a conservare a riparo dalla luce naturale; 

  Agevolare la privacy occultando la visuale in caso di punti luce molto ravvicinati fra loro;

  Gestire la temperatura invernale quando gli infissi non abbiano una tenuta perfetta.

 

Seguire la moda

Anche sulle tende per cucina ci sono diversi stili che, di anno in anno, vanno più in voga. Vediamo, allora, quali sono quelli più usati:

  Shabby chic: lo stile romantico per eccellenza caratterizzato di colori chiari è perfetto se abbinato a mobili antichi e ambienti luminosi.

  Moderno: è uno stile molto in voga quando c’è l’open space unito al salotto; l’unico requisito è quello di mantenere la massima uniformità nell’arredamento di cucina e sala;

  Classico: in questo stile classico il bianco è il colore per eccellenza. Il consiglio è quello di optare per i tendoni o le tende per cucina a vetro e impreziosirle con una mantovana dalla romantica. 

  Country: ideale per gli amanti dell'atmosfera rustica con fantasie calde ed accoglienti con quadretti e motivi floreali dai colori accesi; 

  Provenzale: questo stile ha la capacità di evocare la freschezza tipica della Provenza grazie ai colori pastello. 

Tipologie di tende per cucina

Sicuramente lo stile da prediligere, anche in cucina, è strettamente legato allo stile generale della casa. Una cucina moderna, ad esempio, richiede il montaggio di tende molto essenziali. Nelle cucine classiche o country, invece, potrete montare la stessa tipologia di tende per cucina ma, magari, fissarle lateralmente con dei nastri del medesimo tessuto della tenda.

In ogni caso, i principali di tende per cucina fra cui scegliere sono:

  Tende a teli: partono dal soffitto, scivolando lateralmente. La lunghezza può raggiungere il pavimento o fermarsi all’altezza del davanzale della finestra. Adatti all’arredamento classico e agli open space, i teli possono essere in numero variabile o anche a telo singolo.

  Tende a rullo: perfette per le cucine moderne, hanno linee pulite e consistono in pannelli lisci, avvolti in un rullo che si svolge con l'aiuto di una catenella. 

  Tende a pannello: sono esteticamente simili alle tende a rullo ma si aprono scorrendo sui binari. Anch’esse adatte ad ambienti moderni, accompagnano alla perfezione la cucine linee squadrate ed essenziali.

  Tende a vetro: sono particolarmente adatte alle finestre con apertura a vasistas e consentono un’apertura facilitata del vetro.

  Tenda a pacchetto: questa tenda accompagna perfettamente le dimensioni della finestra e ha il vantaggio di consentire un rapido avvolgimento della stessa.

  Mantovane: sono una tipologia di tenda dalle dimensioni ridotte che ben si adatta ad un ambiente come la cucina. Ha una grande capacità traspirante ed è molto utile quando si necessita di eliminare gli odori.

Fissare la tenda

In base alle tende per cucina che avrete scelto potrete optare per il suo fissaggio a vetro, a muro o agli infissi.

Nello specifico, l'ancoraggio classico delle tende richiede l'utilizzo di bastoni in legno o in metallo, ancorati al muro sulla finestra. Le tende vanno quindi appese tramite l'utilizzo di anelli inseriti nel bastone con delle pinze metalliche che agganciano la stoffa della tenda stessa. Questa tipologia di struttura è più indicata nei saloni o negli ambienti alti. 

Nel caso di tende per cucina, si preferisce l'utilizzo di piccole bacchette in ottone direttamente fissate all'infisso della parte alta della finestra. La bacchetta va fatta passare quindi in un'asola ricavata nell'orlo superiore della tenda in modo che il tessuto scivoli aderendo al vetro.

Le tende a vetro, infatti, hanno come caratteristica principale quella di essere della medesima larghezza della finestra e accompagnare la sagoma del vetro non ingombrando l'apertura della finestra e rendendone agevole l'accesso.

Al contrario, le tende a nastro, prevedono un ancoraggio tramite binari attaccati al soffitto vicino della finestra. Questo costringe a spostare la tenda prima di arrivare all'apertura della finestra: tale operazione risulta scomoda nell'ambiente cucina, in cui le mani sono spesso impegnate in altre operazioni.

 

Scegliere i tessuti

Tra i materiali più scelti per le tende per cucina c’è il lino: un materiale di fibre naturali di alta qualità conosciuto per le sue proprietà antibatteriche, antimacchia e antistatiche e antimacchia.

Tuttavia, sul mercato esistono varie tipologie di tessuti usati; ad esempio, ci possono essere tende in cotone, raso od organza se si vuole lasciar passare più luce possibile. 

Se preferite un materiale più elegante ma pesante si può scegliere la seta che, però, è molto sensibile ai processi di lavaggio.

Per il cotone la scelta è varia: oltre al raso già menzionato esistono altre tipologie di filature tra cui il Popeline e il Jacquard. Il primo è noto per la sua versatilità e pregio; il secondo è più morbido al tatto.

Abbinare i colori

L'ultimo passo riguarda gli abbinamenti cromatici. La regola che vale per tutto è quella di considerare lo stile dell’ambiente: in una cucina rustica, ad esempio, preferite il rosso o il bianco. Nel caso di una cucina moderna rimanete sui colori tenui o, per una sfumatura più scura del colore dei mobili ma mai lasciarsi andare ad un effetto troppo shock!